Logo della sperimentazione Logo Anci



Agenda Eventi

<gennaio 2018>
lunmarmergiovensabdom
25262728293031
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234
Eventi:


08 novembre 2017
Roma, presso la sede di Anci nazionale - Sala Conferenze - Via dei prefetti 46
Roma, presentazione del nuovo rapporto sulla protezione internazionale 2017



11 ottobre 2017
Complesso Fieristico Vicenza Fiera
XXXIV Assemblea Anci - appuntamento a Vicenza dall’11 al 13 ottobre







News
18 gennaio 2018
Commissione immigrazione e welfare ANCI - Biffoni: “Sistema accoglienza minori stranieri diventi stabile e strutturato”
Il responsabile ANCI per l'immigrazione è intervenuto chiedendo di stabilizzare la sperimentazione ...

17 gennaio 2018
Programmazione dei flussi d'ingresso dei lavoratori non comunitari nel territorio dello Stato per l'anno 2018
Il DPCM del 15/12/2017, di imminente pubblicazione, è stato registrato alla Corte dei Conti

15 gennaio 2018
Legge di Bilancio 2018: le novità in materia di immigrazione
Incentivi alle coop per l'assunzione dei rifugiati ed un Piano nazioale per il ritorno volontario ...


Sindaci in Vaticano, Decaro: “Accoglienza si faccia istituzione e l’Italia non sia lasciata sola”

L'ANCI alla due giorni del summit sull’immigrazione organizzato in Vaticano dalla Pontificia Accademia delle Scienze. Le proposte dei Sindaci


“L’accoglienza oggi non può più essere mera vocazione ma deve farsi istituzione e integrazione secondo i principi di responsabilità e di sostenibilità.  Su questi due pilastri si realizza il sistema di accoglienza decentrato e diffuso Sprar. Purtroppo con l’acuirsi delle crisi e con flussi in continua crescita, i governi nazionali, a partire da quello italiano, hanno messo in campo procedimenti emergenziali che se, da un lato, hanno salvato migliaia di vite umane, dall’altro hanno bypassato il coinvolgimento delle comunità determinando disservizi sui territori che i sindaci continuano ancora oggi a gestire con fatica”. Così il presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro (il discorso integrale), chiudendo la serie di interventi dei sindaci italiani intervenuti alla due giorni del summit sull’immigrazione organizzato in Vaticano dalla Pontificia Accademia delle Scienze (leggi la dichiarazione finale dei sindaci).


“I numeri del fenomeno migratorio a livello internazionale ed europeo, che abbiamo ascoltato in questi due giorni sono impressionanti – ha detto Decaro – ed è innegabile il ruolo centrale svolto dall'Italia che, geograficamente, è l’approdo privilegiato delle principali rotte dei flussi che attraversano il mediterraneo. Ovviamente l'impatto di questo fenomeno in tali dimensioni e proporzioni sulle comunità locali che amministriamo è inevitabile anche se non ingestibile”. “Li abbiamo definiti flussi migratori inarrestabili ma a me piace pensare invece che sia il diritto alla vita per se stessi e per i propri figli che si manifesta in milioni di gambe umane che si mettono in marcia verso un luogo dove sia assicurato quel diritto”.


Decaro ha poi ricordato l’esodo dall’Albania che ad inizio Anni Novanta coinvolse e impegnò duramente la sua città: “La mia è una di approdi e partenze. Per secoli è stata attraversata da popoli e culture differenti e ha scelto come santo patrono un santo dalla pelle scura. Da quello stesso mare 24 anni fa, nell’estate del 1991, arrivò la prima grande ondata migratoria sulle coste italiane. Non era un barcone. Era una nave. Era la Vlora. Erano ventimila. Ventimila uomini, donne e bambini albanesi in fuga dal paese più povero d’Europa, all’epoca, alla ricerca di una vita migliore, alla ricerca della dignità perduta. Ventimila. Ciononostante, la città non fece barricate, non costruì muri, non scese in piazza a protestare. I baresi, semplicemente, aprirono le porte ai loro fratelli in difficoltà. Le porte del cuore, e qualche volta, anche le porte di casa”.


il sindaco di Bari ha anche rimarcato una delle principali richieste dell’Associazione per migliorare la gestione dei migranti, vale a dire il “potenziamento delle commissioni territoriali di ascolto, organo deputato al riconoscimento dello status di rifugiati politici che hanno in attesa centinaia di persone “sospese” che troppe volte finiscono per trasformarsi in soggetti invisibili”. Inoltre “la rete dell’accoglienza deve essere diffusa, equa e soprattutto deve essere accompagnata da chi la propria comunità e il proprio territorio li vive ogni giorno. Su questa necessità, l’Anci ha avviato con il Governo italiano un’interlocuzione proficua per costruire una “rete di Comuni” che faccia sentire la propria voce a livello nazionale ed europeo sull’accoglienza sostenibile, sull’importanza di avviare azioni di integrazione che trasformino l’emergenza in inclusione sociale. Abbiamo davanti a noi un percorso lungo e delicato, che necessita di regole certe ma anche di uno sforzo collettivo che richiede il coinvolgimento di tutti, a partire dai cittadini.


Insomma il presidente Anci ha confermato che sindaci ci sono “L’Italia c’è stata e c’è ancora, c’è con i suoi volontari, c’è con i centri di prima accoglienza, c’è con gli uomini della guardia costiera che salvano decine di vite in mare ogni giorno, c’è soprattutto nei tanti gesti quotidiani di solidarietà che compiono i cittadini nei confronti di chi arriva nel nostro Paese. L’Italia c’è ed è pronta a fare la sua parte ma non può essere più da sola. Non possiamo essere più da soli, non possiamo essere gli unici a svolgere il ruolo di sentinelle del Mediterraneo che da culla di civiltà e culture si è trasformato in un cimitero liquido”.


“Per affrontare questo epocale fenomeno occorre un concorso d’azioni: agire nei Paesi di provenienza, creare corridoi umanitari per i richiedenti asilo, contrastare il traffico di esseri umani, rafforzare la legislazione e la cooperazione europea considerando le coste mediterranee dei Paesi Ue confini dell’Unione, cooperare con i Paesi più poveri del Continente africano. E rivedere Dublino”. Parole del sindaco di Catania e presidente del Consiglio Nazionale Anci, Enzo Bianco, che ha tenuto il suo discorso in apertura della sessione pomeridiana.


Il lavoro di squadra per Bianco deve essere fatto “partendo dal basso, dalle città, che devono essere coinvolte in un momento in cui bisogna avere tutti insieme il coraggio di affrontare questa crisi epocale con misure strutturali e con senso di solidarietà e responsabilità. Le comunità locali devono poter influire sulle regole con richieste di modifica fatte sulla base dell’esperienza maturata”.
Il presidente del Consiglio Nazionale Anci ha poi parlato del Manifesto dei sindaci italiani per l’accoglienza, firmato oggi durante i lavori del summit “Nel nostro Manifesto – ha spiegato Bianco – scriviamo che occorre dare risposte chiare e attente alle preoccupazioni dei cittadini, in termini di sicurezza, rispetto delle regole e reciprocità di diritti e doveri. Pensiamo che occorra organizzare l’accoglienza in modo equo e sostenibile attraverso i Comuni e secondo modalità diffuse, per piccoli numeri, proporzionati alla popolazione residente. Pensiamo che serva porre il rispetto della legalità a fondamento dell’integrazione e dare priorità alla conoscenza della lingua del Paese ospitante. Pensiamo bisogni anche garantire alle persone accolte, quando la situazione lo renderà possibile, un sostegno per la loro reintegrazione nei luoghi di origine”.


Per “rispondere alla sfida epocale che la protezione dei richiedenti asilo e le migrazioni ci pongono – ha aggiunto il sindaco di Catania -, occorrono scelte amministrative concrete condivise con la cittadinanza, perché si possa dare ciascuno  secondo le proprie possibilità e secondo giustizia. dell’ansia, del timore di perdere ulteriore benessere, serenità, dignità, figlio della sensazione diffusa di minaccia per rischi sempre nuovi e diversi”.


Ma l’accoglienza, non solo in Italia deve fare i conti con sempre più frequenti momenti di tensione tra popolazione e migranti. “In questi momenti – ha rimarcato Bianco – c’è sempre chi cerca di approfittare della situazione per mutare alcuni gruppi di persone in capri espiatori, costruendo un pregiudizio e scaricando su di loro l’ansia della società, facendoli odiare. La storia del mondo offre molti esempi di questa tecnica perversa”.


Nonostante tutto ciò per il sindaco di Catania “bisogna comprendere che, pur ponendo sfide e problemi, l’immigrazione va vista come una grande opportunità per l’Europa. Secondo i dati in nostro possesso occorrerebbero 42 milioni di nuovi europei entro il 2020, mentre i nostri Paesi, anche quelli che sognano muri, sono afflitti da cali demografici e invecchiamento della popolazione. La verità, insomma, è che occorre smettere di essere uomini vuoti, cacciar via le ansie e le paure, bandire i fomentatori d’odio”. Leggi gli interventi dei sindaci italiani intervenuti. 



dati pubblicazione

Fonte: ANCI
Data: 10/12/2016
Area: area pubblica

link

Tag

Notizia
Anci Vaticano



File Allegati
Nessun file allegato...




Ultimi Documenti Pubblicati
05 dicembre 2017
Mini-guida sulle condizioni di ingresso e soggiorno dei dirigenti e dei lavoratori di Paesi Terzi
Con il D. Lgs. 29 dicembre 2016, n. 253, l'Italia ha dato attuazione alla direttiva 2014/66/UE sulle ...

13 settembre 2017
Nuovo strumento dell'UE di determinazione delle competenze per i cittadini dei paesi terzi
Lo strumento dell'UE di determinazione delle competenze è un programma on line multilingue che ...

07 settembre 2017
Aggiornamento al 7 settembre 2017 degli sportelli e delle Amministrazioni attive della Rete di Assi
Le Amministrazioni attive della Rete di Assistenza dei Comuni al cittadino straniero per la compilazione ...




Legislazione-Giurisprudenza
06 dicembre 2017
Quadro normativo completo dei Trasferimenti intra-societari: come orientarsi tra le nuove norme del Decreto Legislativo ...
Con il D. Lgs. 29 dicembre 2016, n. 253, l'Italia ha dato attuazione alla direttiva 2014/66/UE sulle ...

31 luglio 2017
Circolare Ministero degli Interni del 31 luglio 2017 - Digitalizzazione procedure ricongiungimento familiare
Dal 17 agosto 2017 diventa interamente digitale la procedura di presentazione della domanda di ...

12 giugno 2017
Circolare ministeriale esplicativa del decreto 8 giugno 2017 sui nuovi contributi per il rilascio ed il rinnovo del PSE
Circolare emanata dal Ministero dell'Interno che definisce le modalità applicative del decreto ...




Domande & Risposte
24 novembre 2017
In attesa di primo rilascio del permesso di soggiorno è possibile richiedere l'iscrizione all'anagrafe dei residenti ... Sulla scorta di quanto disposto dal decreto legislativo 142\2015, l'iscrizione anagrafica può ...

24 novembre 2017
Quel’è la normativa di riferimento in materia di rilascio di permesso di soggiorno per richiesta asilo, per asilo, o per ... Domanda:

Quel’è la normativa di riferimento in materia di rilascio di permesso di soggiorno per ...

24 novembre 2017
Sulla base di quali presupposti la Questura competente può valutare il rilascio del permesso di soggiorno ai sensi del ... Domanda:

Sulla base di quali presupposti la Questura competente può valutare il rilascio del permesso ...



logo anci
Copyright 2007 - ANCI - Note Legali - Credits
Progetto PERMESSI DI SOGGIORNO - Ancitel S.p.A.
Via dell'Arco di Travertino 11 - 00178 Roma
tel: 06.76291484 fax: 06.76291367
e-mail: serviziimmigrazione@anci.it
logo ancitel