Logo della sperimentazione Logo Anci



Agenda Eventi

<ottobre 2018>
lunmarmergiovensabdom
24252627282930
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234
Eventi:


07 novembre 2018
Biblioteche di Roma
Corsi gratuiti di italiano per stranieri



30 ottobre 2018
Rovereto, Cavalese, Trento, Riva del Garda e Borgo Valsugana
Progetto FAMI: Informazioni utili per agevolare la ricerca di un’abitazione in Trentino







News
15 ottobre 2018
Decreto Legge su Sicurezza e Immigrazione
Introdotto il permesso per "casi speciali" al posto della protezione umanitaria

25 settembre 2018
Il governo ha dato il via libera al decreto che unifica i testi su sicurezza e migranti.
Per diventare legge manca solo la firma del Presidente della Repubblica

17 settembre 2018
10° Edizione del Festival dei Giornalisti del Mediterraneo di Otranto
ANSA riceve il premio giornalistico "Caravella del Mediterraneo" 2018


Risorse senza vincoli di destinazione per i Comuni che accolgono

Risorse libere da vincoli di destinazione che gli Enti locali possono utilizzare anche per l’ordinaria manutenzione o per i lavori pubblici.


Per il 2017 i fondi necessari all’erogazione del bonus, nella cifra di 100 milioni di euro, sono stati stanziati con il decreto-legge 22 ottobre 2016 n. 193, diventato poi legge nel dicembre dello stesso anno (L. 1 dicembre 2016, n. 225), che all’articolo 12 comma 2 “Misure urgenti a favore dei Comuni in materia di accoglienza” prevedeva l’assegnazione direttamente agli Enti locali interessati di una somma una tantum «nel limite massimo di 500 euro per richiedente protezione ospitato e comunque nei limiti della disponibilità del fondo».

L’assegnazione di queste somme è stata effettuata calcolando le presenze, anche di minori stranieri non accompagnati, in tutte le diverse tipologie di centri di accoglienza (centri di prima accoglienza, strutture temporanee e SPRAR) alla data del 24 ottobre 2016 (data di entrata in vigore del decreto), secondo i dati forniti dalla Prefettura al ministero dell’Interno. Risorse aggiuntive sono state poi riconosciute a quei Comuni sede di porti di sbarco e di hotspot.

Con il decreto attuativo del ministro dell’Interno in data 30 dicembre 2016 sono state poi definite, in concerto con il ministero dell’Economia e delle Finanze, le modalità di ripartizione delle risorse: la quota maggioritaria, pari al 95% della somma, è stata destinata ai centri abitati dove sono alloggiati i migranti che devono aver già fatto domanda di protezione internazionale; un milione di euro è stato assegnato ai Comuni di Lampedusa-Linosa, Pozzallo, Trapani e Taranto che accolgono i richiedenti asilo negli hotspot; infine quattro milioni di euro sono stati previsti in distribuzione ai centri abitati dove, oltre all’accoglienza, c’è un elevato flusso di sbarchi.

Per il 2017 quindi non si è stabilita nessuna differenza tra i Comuni sede di Cas (Centri di Accoglienza Straordinaria), Cara (Centri di Accoglienza per Richiedenti Asilo) o SPRAR. Per il 2018, il decreto-legge 20 giugno 2017 n.91, il decreto Mezzogiorno, convertito in legge il 03 agosto 2017 n. 123, ha incrementato il fondo per l’accoglienza a 150 milioni di euro.

All’articolo 16 comma 4 si leggono le modalità di ripartizione del fondo: «per i comuni interessati il limite massimo è di 700 euro per ogni richiedente protezione accolto nei centri del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR) e 500 euro per ognuno di quelli ospitati nelle altre strutture e comunque nei limiti della disponibilità del fondo». Per ogni richiedente asilo e rifugiato accolto in uno SPRAR il Comune otterrà dunque un bonus incrementato di 200 euro rispetto alle risorse ottenute nel 2017. Diversamente il contributo rimane di 500 euro per tutti i Comuni dove l'accoglienza è nei grandi centri Cara e nei Cas.

Rimane sempre a beneficio dei Comuni la possibilità di scegliere liberamente come impiegare questo bonus: ristrutturazione di strade, scuole, progetti di inclusione sociale, iniziative e servizi a beneficio di tutti i residenti.

Questa manovra è stata possibile grazie alla dialogo tra ANCI e Viminale per affermare il principio dell’equa distribuzione dell’accoglienza dei migranti attraverso il sistema SPRAR, sistema che funziona e che permette ai Comuni di portare avanti concreti percorsi di integrazione.

dati pubblicazione

Fonte: Cittalia
Data: 21/11/2017
Area: area pubblica

link

Tag

Notizia
Accoglienza_Rifugiati



File Allegati
Nessun file allegato...




Ultimi Documenti Pubblicati
26 luglio 2018
Aggiornamento della Rete di Assistenza al 30 giugno 2018
Amministrazioni attive della Rete di Assistenza dei Comuni al cittadino straniero per la compilazione ...

05 dicembre 2017
Mini-guida sulle condizioni di ingresso e soggiorno dei dirigenti e dei lavoratori di Paesi Terzi
Con il D. Lgs. 29 dicembre 2016, n. 253, l'Italia ha dato attuazione alla direttiva 2014/66/UE sulle ...

13 settembre 2017
Nuovo strumento dell'UE di determinazione delle competenze per i cittadini dei paesi terzi
Lo strumento dell'UE di determinazione delle competenze è un programma on line multilingue che ...




Legislazione-Giurisprudenza
22 giugno 2018
D.Lgs. n.71 del 11.05.2018 Ingresso e soggiorno di extracomunitari per motivi di studio, recerca or tirocinio
Attuazione della direttiva (UE) 2016/801, relativa alle condizioni di ingresso e soggiorno, ...

12 giugno 2018
Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 12 aprile 2018
CGUE - Sentenza della Corte (Seconda Sezione) Minori non accompagnati e diritto al ricongiungimento ...

31 gennaio 2018
Nuove disposizioine in materia di Asilo e minori stranieri non accompagnati
Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 18 agosto 2015, n. 142, di attuazione ...




Domande & Risposte
17 settembre 2018
Qual è la procedure per il rinovvo del permesso di soggiorno? In virtù della convenzione stipulata tra il Ministero dell'Interno e Poste Italiane SPA, ai sensi ...

13 settembre 2018
La conoscenza della lingua italiana è un recquisito per ottenere il permesso CE per soggiornanti di lungo periodo? Il cittadino straniero che vive legalmente in Italia da più di 5 anni e intende chiedere il permesso ...

12 settembre 2018
La richiesta di cittadinanza ha effetti anche sui figli stranieri? Ai sensi dell'art. 14 della legge n.91/1992, la richiesta di cittadinanza presentata da un cittadino ...



logo anci
Copyright 2007 - ANCI - Note Legali - Credits
Progetto PERMESSI DI SOGGIORNO - Ancitel S.p.A.
Via dell'Arco di Travertino 11 - 00178 Roma
tel: 06.76291484 fax: 06.76291367
e-mail: serviziimmigrazione@anci.it
logo ancitel