Logo della sperimentazione Logo Anci



Agenda Eventi

<febbraio 2018>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627281234
567891011
Eventi:


22 febbraio 2018
Torino - Collegio Carlo Alberto, piazza Arbarello 8
L’integrazione economica dei migranti in Europa e in Italia










News
21 febbraio 2018
Conferenza nazionale delle operatrici e degli operatori Sprar: Buona la prima
Il presidente dell'ANCI Antonio Decaro: “Lavoriamo per costruire storie di convivenza e integrazione. ...

10 febbraio 2018
Immigrazione, al 1 gennaio 2018 circa 5 milioni e mezzo di cittadini stranieri in Italia
Il rapporto dell’Istat: “Il Paese si trova a gestire una fase matura dell’immigrazione”

07 febbraio 2018
Permesso di soggiorno, le FAQ di Cinformi
Pubblichiamo alcune FAQ elaborate dal Centro Informativo per l'Immigrazione della Provincia ...


Legge di Bilancio 2018: le novità in materia di immigrazione

Incentivi alle coop per l'assunzione dei rifugiati ed un Piano nazioale per il ritorno volontario assistito, tra le misure adottate nella legge di bilancio


Nella seduta del 23 dicembre 2017 l'Aula del Senato ha approvato definitivamente, in terza lettura, il Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020 (A.S. n. 2960-B). Il testo approvato è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 301 del 29 dicembre 2017.

Tre, in particolare, le norme della nuova legge che riguardano la materia dell'immigrazione.

Articolo 1, comma 109: Incentivi per l'assunzioni da parte di cooperative sociali di soggetti in stato di protezione internazionale.

Il comma 109, inserito dalla Camera dei Deputati, riconosce un incentivo alle cooperative sociali di cui alla legge 8 novembre 1991, n. 381, per le assunzioni a tempo indeterminato, effettuate nel corso del 2018, di persone a cui sia stata riconosciuta protezione internazionale dal 1° gennaio 2016. Il suddetto incentivo consiste in un contributo, entro il limite di spesa di 500.000 euro annui e per un periodo massimo di 36 mesi, a riduzione o sgravio delle aliquote per l'assicurazione obbligatoria previdenziale ed assistenziale dovute, relativamente agli assunti. La definizione dei criteri di assegnazione e ripartizione del contributo è demandata ad apposito decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministro dell'Interno, da emanare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della nuova legge.

Articolo 1, comma 1122, lettera a): Proroga del divieto di autocertificazione per lo straniero nelle procedure relative al soggiorno.

Il divieto di autocertificazione da parte dei cittadini stranieri nelle procedure relative al rilascio e al rinnovo del permesso di soggiorno è stato prorogato ancora una volta anche per il 2018.

La piena parificazione tra italiani e stranieri in materia di autocertificazioni doveva entrare in vigore il 1° gennaio 2013, in base a quanto previsto dall'articolo 17, comma 4-quater, del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 35.

Dopo cinque anni di continui rinvii, la legge di Bilancio prevede un'ulteriore proroga. I cittadini stranieri continuano quindi a non potersi avvalere dell'autocertificazione per le procedure disciplinate dalle norme sull'immigrazione (e dunque quando devono provare, ad esempio, lo stato di parentela, il nucleo familiare, l'idoneità alloggiativa ecc.).

La parificazione tra straniero e italiano in materia di autocertificazioni è in ogni caso già in atto in relazione a tutti i certificati che non sono richiesti esplicitamente da disposizioni del Testo Unico sull'immigrazione o dal suo Regolamento di attuazione .

In particolare, già a partire dal 1° gennaio 2012 per tutti i procedimenti in materia di concessione della cittadinanza italiana valgono le regole generali sull'autocertificazione. Il Comune non può, pertanto, in questi procedimenti, richiedere all'interessato la produzione di documenti attestanti stati, qualità personali e fatti che possono essere reperiti d'ufficio dall'ufficio comunale, attraverso una richiesta ad altra Amministrazione.

Articolo 1, comma 1122, lettera b) (Piano nazionale per interventi di ritorno volontario assistito)

Durante l'esame alla Camera dei Deputati è stata aggiunta al testo della legge di Bilancio la disposizione che autorizza la spesa di 500 mila euro per il 2018 e 1,5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2019 e 2020 per l'avvio sperimentale di un Piano nazionale per la realizzazione di interventi di ritorno volontario assistito (RVA), previsti dall'art. 14-ter del D.Lgs. n. 286/1998 (Testo unico immigrazione).

Il Ritorno Volontario Assistito è la possibilità di ritorno offerta ai migranti che non possono o non vogliono restare nel Paese ospitante e che desiderano, in modo volontario e spontaneo, ritornare nel proprio Paese d´origine. La disciplina del ritorno volontario assistito è posta dall'articolo 14-ter del Testo unico dell'immigrazione (decreto legislativo n. 286 del 1998, per questo riguardo seguìto dal decreto ministeriale 27 ottobre 2011). Vi si prevede che il Ministero dell'interno attui programmi di rimpatrio volontario ed assistito verso il Paese di origine o di provenienza di cittadini di Paesi terzi. Nel caso in cui lo straniero sia irregolarmente presente nel territorio ed al contempo ammesso ai programmi di rimpatrio, è sospesa l'esecuzione dei provvedimenti di respingimento con accompagnamento alla frontiera e di espulsione amministrativa. La norma prevede alcuni casi di non applicabilità del ritorno volontario (ad esempio essere destinatari di un provvedimento di espulsione come sanzione penale o conseguenza di questa ovvero destinatari di un provvedimento di estradizione o di un mandato di arresto europeo o di un mandato di arresto da parte della Corte penale internazionale).

Il nuovo Piano nazionale per interventi di ritorno volontario assistito dovrebbe consistere:

- nell'attivazione di massimo trenta sportelli comunali, che svolgano attività di informazione, di orientamento e di assistenza sociale e legale per gli stranieri che possono accedere ai programmi esistenti di ritorno volontario e assistito. Gli sportelli sono attivati in concorso con le associazioni maggiormente rappresentative degli enti locali e in accordo con prefetture, questure e con le organizzazioni internazionali,

- nella formazione specialistica di personale interno;

- nell'informazione sui progetti di reintegrazione nei paesi di origine.

Le linee guida e le modalità di attuazione del Piano sono rimesse ad un decreto del Ministro dell'interno da adottare entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della legge.

Al fine di provvedere agli oneri derivanti dalle disposizioni introdotte dalla nuova lettera, si è prevista la corrispondente riduzione del Fondo per interventi strutturali di politica economica.

dati pubblicazione

Fonte: Senato.it
Data: 15/01/2018
Area: area pubblica

link

Tag

Normativa Notizia
Legge_di_sabilità



File Allegati
Nessun file allegato...




Ultimi Documenti Pubblicati
05 dicembre 2017
Mini-guida sulle condizioni di ingresso e soggiorno dei dirigenti e dei lavoratori di Paesi Terzi
Con il D. Lgs. 29 dicembre 2016, n. 253, l'Italia ha dato attuazione alla direttiva 2014/66/UE sulle ...

13 settembre 2017
Nuovo strumento dell'UE di determinazione delle competenze per i cittadini dei paesi terzi
Lo strumento dell'UE di determinazione delle competenze è un programma on line multilingue che ...

07 settembre 2017
Aggiornamento al 7 settembre 2017 degli sportelli e delle Amministrazioni attive della Rete di Assi
Le Amministrazioni attive della Rete di Assistenza dei Comuni al cittadino straniero per la compilazione ...




Legislazione-Giurisprudenza
31 gennaio 2018
Nuove disposizioine in materia di Asilo e minori stranieri non accompagnati
Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 18 agosto 2015, n. 142, di attuazione ...

06 dicembre 2017
Quadro normativo completo dei Trasferimenti intra-societari: come orientarsi tra le nuove norme del Decreto Legislativo ...
Con il D. Lgs. 29 dicembre 2016, n. 253, l'Italia ha dato attuazione alla direttiva 2014/66/UE sulle ...

31 luglio 2017
Circolare Ministero degli Interni del 31 luglio 2017 - Digitalizzazione procedure ricongiungimento familiare
Dal 17 agosto 2017 diventa interamente digitale la procedura di presentazione della domanda di ...




Domande & Risposte
24 novembre 2017
In attesa di primo rilascio del permesso di soggiorno è possibile richiedere l'iscrizione all'anagrafe dei residenti ... Sulla scorta di quanto disposto dal decreto legislativo 142\2015, l'iscrizione anagrafica può ...

24 novembre 2017
Quel’è la normativa di riferimento in materia di rilascio di permesso di soggiorno per richiesta asilo, per asilo, o per ... Domanda:

Quel’è la normativa di riferimento in materia di rilascio di permesso di soggiorno per ...

24 novembre 2017
Sulla base di quali presupposti la Questura competente può valutare il rilascio del permesso di soggiorno ai sensi del ... Domanda:

Sulla base di quali presupposti la Questura competente può valutare il rilascio del permesso ...



logo anci
Copyright 2007 - ANCI - Note Legali - Credits
Progetto PERMESSI DI SOGGIORNO - Ancitel S.p.A.
Via dell'Arco di Travertino 11 - 00178 Roma
tel: 06.76291484 fax: 06.76291367
e-mail: serviziimmigrazione@anci.it
logo ancitel