Logo della sperimentazione Logo Anci



Agenda Eventi

<ottobre 2018>
lunmarmergiovensabdom
24252627282930
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234
Eventi:


07 novembre 2018
Biblioteche di Roma
Corsi gratuiti di italiano per stranieri



30 ottobre 2018
Rovereto, Cavalese, Trento, Riva del Garda e Borgo Valsugana
Progetto FAMI: Informazioni utili per agevolare la ricerca di un’abitazione in Trentino







News
15 ottobre 2018
Decreto Legge su Sicurezza e Immigrazione
Introdotto il permesso per "casi speciali" al posto della protezione umanitaria

25 settembre 2018
Il governo ha dato il via libera al decreto che unifica i testi su sicurezza e migranti.
Per diventare legge manca solo la firma del Presidente della Repubblica

17 settembre 2018
10° Edizione del Festival dei Giornalisti del Mediterraneo di Otranto
ANSA riceve il premio giornalistico "Caravella del Mediterraneo" 2018


Nuove regole per l'ingresso e soggiorno in Italia per volontariato, ricerca e studio

Il decreto, entrato in vigore il 5 luglio 2018, modifica alcuni articoli del Testo Unico dell'immigrazione


È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 141 del 20 giugno 2018 il decreto legislativo n.71 dell'11 maggio 2018 che ha recepito la direttiva UE 2016/801 del Parlamento europeo e del Consiglio del 1° maggio 2016, relativa alle condizioni di ingresso e soggiorno dei cittadini di Paesi terzi per motivi di ricerca, studio, tirocinio, volontariato, programmi di scambio di alunni o progetti educativi e collocamento alla pari.

Il decreto prevede delle modifiche al Testo unico dell'immigrazione (decreto legislativo n. 286 del 1998); in particolare detta una nuova disciplina in merito all'ingresso e soggiorno per volontariato (articolo 27-bis del T.U. immigrazione); ricerca (articolo 27-ter del T.U. immigrazione); accesso ai percorsi di istruzione (articolo 39 del T.U. immigrazione); soggiorno di studenti, scambio di alunni, tirocinio professionale (articolo 39-bis del T.U. immigrazione); ricerca lavoro o imprenditorialità degli studenti (articolo 39-bis.1 del T.U. immigrazione).

Una delle novità più importanti riguarda la mobilità degli studenti non comunitari titolari di un'autorizzazione al soggiorno per studio rilasciata da un altro Stato membro dell'Unione europea. Questi studenti possono fare ingresso nel territorio nazionale in esenzione dal visto, soggiornandovi per proseguire gli studi già iniziati in un altro Stato membro, presentando la dichiarazione di presenza resa ai sensi dell'articolo 5, comma 7, del Testo Unico. Le nuove norme prescrivono che, ai fini di tale mobilità, gli studenti devono essere beneficiari di un programma dell'Unione o multilaterale comprendente misure sulla mobilità, o di un accordo tra due o più istituti di istruzione. Trecentosessanta giorni è la durata massima di soggiorno per proseguire gli studi già iniziati nello Stato membro che ha rilasciato l'autorizzazione al soggiorno.

Un’altra novità del decreto legislativo n.71 dell’11 maggio 2018 è un nuovo articolo introdotto nel Testo Unico sull'Immigrazione. Si tratta dell'articolo 39 bis-1, il quale prevede, per lo straniero che abbia conseguito in Italia un titolo di studio di istruzione post-diploma, la possibilità di ottenere, alla scadenza del proprio permesso per studio, un permesso di soggiorno, al fine di cercare un'occupazione o avviare un'impresa “coerente con il percorso formativo completato”.

Tale permesso può essere richiesto da coloro che abbiano conseguito in Italia uno dei seguenti titoli di studio: dottorato o master universitario; laurea triennale o laurea specialistica, diploma accademico di primo livello o di secondo livello diploma di tecnico superiore.

Per ottenere il permesso di soggiorno dopo aver concluso gli studi bisogna dimostrare la disponibilità di un reddito minimo annuo non inferiore all'importo annuo dell'assegno sociale; rispettare l'obbligo, qualora il soggetto interessato non rientri tra le categorie di coloro che sono obbligati ad iscriversi al Servizio sanitario nazionale, di assicurarsi per eventuali malattie, infortuni e maternità mediante stipula di apposita polizza assicurativa valida sul territorio nazionale, ovvero mediante iscrizione al Servizio sanitario nazionale.

Il nuovo permesso ha durata compresa tra nove e dodici mesi; in presenza dei requisiti previsti dal Testo Unico, può essere convertito in permesso di soggiorno per lavoro.

dati pubblicazione

Fonte: CINFORMI- Centro Informativo per l'immigrazione
Data: 10/09/2018
Area: area pubblica

link

Internet Nota portale informazione migranti
Internet Gazzetta ufficiale Dlg 71 dell'11 maggio 2018

Tag

Normativa Notizia



File Allegati
Nessun file allegato...




Ultimi Documenti Pubblicati
26 luglio 2018
Aggiornamento della Rete di Assistenza al 30 giugno 2018
Amministrazioni attive della Rete di Assistenza dei Comuni al cittadino straniero per la compilazione ...

05 dicembre 2017
Mini-guida sulle condizioni di ingresso e soggiorno dei dirigenti e dei lavoratori di Paesi Terzi
Con il D. Lgs. 29 dicembre 2016, n. 253, l'Italia ha dato attuazione alla direttiva 2014/66/UE sulle ...

13 settembre 2017
Nuovo strumento dell'UE di determinazione delle competenze per i cittadini dei paesi terzi
Lo strumento dell'UE di determinazione delle competenze è un programma on line multilingue che ...




Legislazione-Giurisprudenza
22 giugno 2018
D.Lgs. n.71 del 11.05.2018 Ingresso e soggiorno di extracomunitari per motivi di studio, recerca or tirocinio
Attuazione della direttiva (UE) 2016/801, relativa alle condizioni di ingresso e soggiorno, ...

12 giugno 2018
Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 12 aprile 2018
CGUE - Sentenza della Corte (Seconda Sezione) Minori non accompagnati e diritto al ricongiungimento ...

31 gennaio 2018
Nuove disposizioine in materia di Asilo e minori stranieri non accompagnati
Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 18 agosto 2015, n. 142, di attuazione ...




Domande & Risposte
17 settembre 2018
Qual è la procedure per il rinovvo del permesso di soggiorno? In virtù della convenzione stipulata tra il Ministero dell'Interno e Poste Italiane SPA, ai sensi ...

13 settembre 2018
La conoscenza della lingua italiana è un recquisito per ottenere il permesso CE per soggiornanti di lungo periodo? Il cittadino straniero che vive legalmente in Italia da più di 5 anni e intende chiedere il permesso ...

12 settembre 2018
La richiesta di cittadinanza ha effetti anche sui figli stranieri? Ai sensi dell'art. 14 della legge n.91/1992, la richiesta di cittadinanza presentata da un cittadino ...



logo anci
Copyright 2007 - ANCI - Note Legali - Credits
Progetto PERMESSI DI SOGGIORNO - Ancitel S.p.A.
Via dell'Arco di Travertino 11 - 00178 Roma
tel: 06.76291484 fax: 06.76291367
e-mail: serviziimmigrazione@anci.it
logo ancitel