Logo della sperimentazione Logo Anci



Agenda Eventi

<aprile 2018>
lunmarmergiovensabdom
2627282930311
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456
Eventi:





21 marzo 2018
Roma - CNR Dipartimento scienze umane e sociali - Piazzale Aldo Moro 7, Roma
Accoglienza - Presentazione del volume Cittalia "Sguardi e memorie di umanità in fuga" il 21 marzo a Roma







News
18 aprile 2018
"Viaggi Disperati" Rapporto UNHCR 2018
A causa delle maggiori restrizioni imposte in Ungheria, molti rifugiati e migranti ricorrono ...

30 marzo 2018
Pubblicate le linee guida del Reddito di Inclusione (REI)
La misura viene riconosciuta anche ai cittadini in possesso del permesso di soggiorno purchè residenti ...

28 marzo 2018
Rapporto Eurostat 2017 - il numero di richieste di protezione internazionale in calo
l'Italia al secondo posto nell'UE per il numero di domande d'asilo presentate


immagine raffigurante una carta di permesso di soggiorno
La procedura di rilascio e rinnovo dei titoli di soggiorno



Indice
  1. Il Contesto
  2. La nuova Normativa
  3. La compilazione del Kit cartaceo
  4. La compilazione elettronica del Kit
  5. L'iter della pratica: La fase Pre-Istruttoria presso il CSA di Poste Italiane
  6. L'iter della pratica: La fase di Istruttoria presso le Questure

Il Contesto

L'11 Dicembre 2006 in tutta Italia ha preso avvio, su tutto il territorio nazionale, la nuova procedura per il rilascio e rinnovo dei documenti di soggiorno ai cittadini stranieri.

Dovranno essere presentate presso gli Uffici Postali, abilitati alla accettazione, le richieste per le seguenti tipologie di Permesso e Carta di Soggiorno (ovvero Permesso di Soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo):

  • Aggiornamento della carta di soggiorno
  • Aggiornamento del permesso di soggiorno (cambio domicilio, stato civile, inserimento figli, cambio passaporto, aggiornamento foto).
  • Attesa occupazione
  • Attesa riacquisto cittadinanza
  • Asilo politico rinnovo
  • Carta di soggiorno per stranieri
  • Conversione permesso di soggiorno
  • Duplicato Carta di soggiorno
  • Duplicato Permesso di soggiorno
  • Famiglia
  • Famiglia minore 14-18 anni
  • Lavoro Autonomo
  • Lavoro Subordinato
  • Lavoro casi particolari previsti
  • Lavoro subordinato-stagionale
  • Missione
  • Motivi Religiosi
  • Residenza elettiva
  • Status apolide rinnovo
  • Studio (permesso di lunga durata)
  • Tirocinio formazione professionale

Qualora il cittadino straniero extra UE sia in possesso di Nulla Osta, e stia richiedendo il primo rilascio del Permesso di Soggiorno, per motivi di lavoro o di ricongiungimento familiare, il cittadino dovrà recarsi presso lo Sportello Unico Immigrazione (SUI) della Prefettura competente. Lo sportello consegnerà la richiesta di rilascio in un’apposita busta che dovrà essere consegnata aperta presso uno degli sportelli degli Uffici postali abilitati all’accettazione delle Istanze (uffici postali dotati di Sportello Amico).

Presso il SUI, inoltre, occorre presentare la richiesta di conversione di un titolo di soggiorno per motivi di studio ad un titolo per motivi di lavoro, nonché la conversione di un permesso di soggiorno per lavoro stagionale ad uno per lavoro subordinato.

Torna all'indice

La nuova Normativa

Dal 02/06/2007 viene applicata una nuova Normativa che regola i soggiorni di breve durata degli stranieri in Italia: l’ingresso per visite, affari, turismo e studio non prevede la richiesta di Permesso di Soggiorno presso gli Uffici Postali qualora la durata del soggiorno stesso non sia superiore a tre mesi. In questo caso lo straniero dovrà semplicemente dichiarare, entro otto giorni dall’ingresso, la sua presenza in Italia all’autorità di frontiera o al questore della provincia in cui si trova.

Per le altre tipologie di richiesta dei titoli di soggiorno è necessario presentare le domande presso le Questure.

Per i cittadini appartenenti ad uno stato membro dell'Unione Europea che intendano soggiornare sul territorio nazionale per un periodo superiore a tre mesi, è sufficiente richiedere il certificato di iscrizione anagrafica rilasciato dal Comune di abituale dimora.

Per soggiorni di durata inferiore a tre mesi il cittadino dell'Unione Europea o il suo familiare può presentarsi ad un ufficio di Polizia per dichiarare la propria presenza sul territorio nazionale. Qualora non venisse effettuata la dichiarazione di presenza, si riterrà, salvo prova contraria, che il soggiorno si sia protratto per oltre tre mesi.

Torna all'indice

La compilazione del Kit cartaceo

Il cittadino straniero può ritirare gratuitamente il Kit per la compilazione dell’istanza, presso uno dei 14.000 Uffici Postali presenti su tutto il territorio nazionale.

Il cittadino straniero può procedere autonomamente alla compilazione della modulistica necessaria, avendo ritirato  il Kit per la compilazione dell’istanza, disponibile gratuitamente presso uno degli oltre 14.000 Uffici Postali presenti su tutto il territorio nazionale.

Il Kit una volta compilato in cartaceo, dal cittadino straniero, dovrà essere consegnato, da questi, in busta aperta e con gli allegati previsti, allo sportello di un Ufficio Postale abilitato all’accettazione delle Istanze (uffici postali dotati di Sportello Amico).

All’atto della consegna della busta, il cittadino straniero dovrà versare allo sportello postale 30 euro.

I cittadini extra-UE dovranno apporre sul modulo una marca da bollo di 14,62 euro.

Inoltre per i cittadini extra-UE e per i permessi superiori ai 90 giorni è previsto il rilascio del titolo di soggiorno in formato elettronico al costo di 27,50 euro, pagabili tramite relativo bollettino prestampato (PSE), la cui ricevuta deve essere allegata alla domanda.

Al momento dell’accettazione dell’istanza da parte dell’ufficio postale, al cittadino straniero viene consegnata una ricevuta che equivale e sostituisce il precedente cedolino. La ricevuta ha valore legale e, accompagnata dal documento di identità, consente al Cittadino straniero in attesa di Titolo di Soggiorno, di permanere sul territorio italiano.

Sulla ricevuta sono presenti una UserID ed una password tramite cui è possibile seguire lo stato di avanzamento della pratica collegandosi all’indirizzo http://www.portaleimmigrazione.it ed accedendo all’ “Area Riservata Stranieri”.

Il cittadino potrà altresì verificare lo stato di avanzamento della sua pratica recandosi presso uno degli sportelli del Comune o Patronato abilitati, esibendo la ricevuta consegnatagli.

Torna all'indice

La compilazione elettronica del Kit

In alternativa alla compilazione cartacea, il cittadino straniero può recarsi presso un Comune o un Patronato abilitato al servizio di compilazione elettronica delle istanze.

In questo caso non è necessario per il cittadino straniero avere a disposizione il kit cartaceo, in quanto il Comune procederà alla compilazione elettronica della modulistica, e successiva stampa della stessa, utilizzando il programma software ELI2, raggiungibile via Internet all’indirizzo http://www.portaleimmigrazione.it. Il software è stato realizzato ed è gestito da Poste Italiane. La formazione sul programma ELI2 agli operatori Comunali viene erogata gratuitamente tramite un Corso di Formazione a Distanza (FAD) fruibile da questo stesso sito previa Richiesta di Iscrizione.

Il modulo, compilato elettronicamente e stampato in tutte le sue parti, deve essere inserito dall’operatore del Comune in un’apposita busta dedicata, insieme alla documentazione da allegare richiesta.

Al termine della compilazione elettronica, il programma invia telematicamente una copia elettronica della domanda a Poste Italiane, a cui non viene dato corso sino a quando il Richiedente non consegna, all’Ufficio Postale, la copia cartacea che gli è stata consegnata.

La busta dovrà essere consegnata aperta dal cittadino straniero, presso lo sportello di un Ufficio Postale abilitato alla accettazione delle istanze (Uffici Postali dotati di Sportello Amico).

Le modalità di consegna della busta, incluso il pagamento degli oneri previsti, nonchè le modalità di verifica dello stato di avanzamento della pratica sono analoghe a quanto decritto per la compilazione cartacea del kit.

Torna all'indice

L'iter della pratica: La fase Pre-Istruttoria presso il CSA di Poste Italiane

Tutte le istanze raccolte dagli sportelli degli Uffici Postali vengono inviate al CSA (Centro Servizi Amministrativi) di Poste Italiane.

IL CSA è deputato alla fase di Pre-Istruttoria della pratica che consiste in tre tipi di controlli:

  1. Screening dell’istanza: verifica della completezza della documentazione da allegare alla domanda.
  2. Lettura ottica della pratica (solo per le pratiche compilate manualmente) e scansione della pratica e dei documenti allegati: in questo modo viene creato il fascicolo elettronico associato alla pratica che verrà visualizzato direttamente dalla Questura competente per la successiva fase di lavorazione della pratica.
  3. Controllo di coerenza dei dati presenti nelle pratiche.

E’ in questa fase che vengono rilevate eventuali anomalie nelle pratiche.

Torna all'indice

L'iter della pratica: La fase di Istruttoria presso le Questure

Terminata la fase di Preistruttoria, le pratiche vengono inviate alla Questura di competenza, sia telematicamente che in formato cartaceo, dove prende avvio la fase di Istruttoria durante la quale vengono eseguiti tutti i controlli atti a verificare la sussistenza dei requisiti per l’ottenimento del documento di soggiorno.

In fase di Istruttoria la pratica potrà risultare:

- verificata: in questo caso il cittadino viene convocato dalla Questura, tramite raccomandata ed SMS, per i rilievi fotodattiloscopici, seguirà una seconda convocazione per la consegna del documento di soggiorno o la comunicazione di diniego.

- anomala: nel caso in cui risultassero mancanti dei documenti o in presenza di errori nella compilazione della modulistica. In questo caso la Questura dovrà procedere alla correzione degli eventuali errori e/o potrà richiedere al cittadino straniero di integrare la documentazione mancante.

Solo quando la pratica da “anomala” diventa “verificata”, questa potrà seguire il proprio iter procedurale.

Torna all'indice


Ultimi Documenti Pubblicati
05 dicembre 2017
Mini-guida sulle condizioni di ingresso e soggiorno dei dirigenti e dei lavoratori di Paesi Terzi
Con il D. Lgs. 29 dicembre 2016, n. 253, l'Italia ha dato attuazione alla direttiva 2014/66/UE sulle ...

13 settembre 2017
Nuovo strumento dell'UE di determinazione delle competenze per i cittadini dei paesi terzi
Lo strumento dell'UE di determinazione delle competenze è un programma on line multilingue che ...

07 settembre 2017
Aggiornamento al 7 settembre 2017 degli sportelli e delle Amministrazioni attive della Rete di Assi
Le Amministrazioni attive della Rete di Assistenza dei Comuni al cittadino straniero per la compilazione ...




Legislazione-Giurisprudenza
31 gennaio 2018
Nuove disposizioine in materia di Asilo e minori stranieri non accompagnati
Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 18 agosto 2015, n. 142, di attuazione ...

06 dicembre 2017
Quadro normativo completo dei Trasferimenti intra-societari: come orientarsi tra le nuove norme del Decreto Legislativo ...
Con il D. Lgs. 29 dicembre 2016, n. 253, l'Italia ha dato attuazione alla direttiva 2014/66/UE sulle ...

31 luglio 2017
Circolare Ministero degli Interni del 31 luglio 2017 - Digitalizzazione procedure ricongiungimento familiare
Dal 17 agosto 2017 diventa interamente digitale la procedura di presentazione della domanda di ...




Domande & Risposte
24 novembre 2017
In attesa di primo rilascio del permesso di soggiorno è possibile richiedere l'iscrizione all'anagrafe dei residenti ... Sulla scorta di quanto disposto dal decreto legislativo 142\2015, l'iscrizione anagrafica può ...

24 novembre 2017
Quel’è la normativa di riferimento in materia di rilascio di permesso di soggiorno per richiesta asilo, per asilo, o per ... Domanda:

Quel’è la normativa di riferimento in materia di rilascio di permesso di soggiorno per ...

24 novembre 2017
Sulla base di quali presupposti la Questura competente può valutare il rilascio del permesso di soggiorno ai sensi del ... Domanda:

Sulla base di quali presupposti la Questura competente può valutare il rilascio del permesso ...



logo anci
Copyright 2007 - ANCI - Note Legali - Credits
Progetto PERMESSI DI SOGGIORNO - Ancitel S.p.A.
Via dell'Arco di Travertino 11 - 00178 Roma
tel: 06.76291484 fax: 06.76291367
e-mail: serviziimmigrazione@anci.it
logo ancitel